2050, odissea nella ricchezza (per il Nord del pianeta)

Scritto da: il 27.09.11
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

L’analisi previsionale di medio-lungo corso è disciplina di grande fascino. Non è semplice cercare di comprendere come sarà il mondo fra 30, 50 o 100 anni, ma già il solo sforzo in tal senso è degno di attenzione. Nel pieno solco della bella tradizione statunitense in campo forecast, per così dire, colpisce la pubblicazione, per i tipi della Einaudi di Torino, di 2050. Il futuro del nuovo Nord, lucida e netta ipotesi su come potrà essere la Terra fra circa 40′anni. Ne è autore Laurence C. Smith, docente di Geografia e di Scienze della Terra e dello Spazio alla University of California in Los Angeles, la mitica Ucla. Per inciso, il geografo californiano nel 2007 ha presentato un dettagliato rapporto al Congresso degli Stati Uniti sui probabili effetti del cambiamento climatico sul Nord del pianeta. Il suo lavoro ha avuto poi grande risalto al Fourth Assessment Report dell’Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite.

Lo studio di Smith individua quattro precise forze motrici destinate a cambiare il mondo: innanzitutto la tendenza demografica, poi la crescente domanda di risorse naturali, i cambiamenti climatici in corso e la globalizzazione. Chiaro che con la popolazione mondiale in vorticosa crescita il costo delle risorse naturali, dal petrolio alla stessa vitalissima acqua, non può che aumentare. Che futuro è ragionevole ipotizzare per l’umanità, quindi?

Le previsioni di Smith per certi versi sono molto dure:  le Nazioni più vicine al Circolo Polare Artico diventeranno sempre più ricche, potenti, politicamente stabili ed influenti, mentre i Paesi più vicini all’Equatore dovranno affrontare i drammatici problemi della carenza idrica e dell’invecchiamento della loro abnorme popolazione, costretta a vivere in megalopoli sempre meno umane e per di più minacciate perennemente da alluvioni, in un rapporto sempre più rischioso con mari e fiumi. A Nord, invece, soprattutto in Scandinavia e Canada, la pressione globale trasformerà le Nazioni artiche in un luogo di frenetiche attività, di maggior valore strategico e di sempre più grande importanza economico-finanziaria.

Il tutto sarà poi anche implementato dal rinnovato appeal del Polo Nord, che con il progressivo scioglimento dei ghiacci artici sta divendendo cruciale per le nuove rotte apertesi e per le risorse naturali che stanno per rendersi disponibili. Della nuova situazione, ovviamente, non potranno che avvantaggiarsi i Paesi scandinavi, che, se durante il Novecento sono stati il vero cuore del mondo per la produzione culturale, per il Welfare State e per la rapida evoluzione delle loro civilissima società, nel prossimo futuro saranno definitivamente consacrate motore economico del pianeta.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple