Air Force India, uno “svarione” fa rischiare la catastrofe

Scritto da: il 16.09.09
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Una bomba sganciata per errore da un caccia militare fa rischiare un’ecatombe nel Rajasthan.
Un Mirage 2000 dell’aviazione indiana ha infatti sfiorato la catastrofe durante una esercitazione non lontano dal confine con il Pakistan, sganciando una ordigno che è andato ad esplodere a 30 metri dal canale “Indira Gandhi”, una infrastruttura vitale per l’area, che, se colpita, avrebbe riversato immense quantità di acqua inondando diverse città del Rajasthan occidentale.

Il clamoroso errore del pilota indiano è stato ricostruito dal quotidiano The Times of India, che ha evidenziato come il canale “Indira Gandhi” sia un’opera mastodontica ideata per irrigare una grande zona altrimenti desertica.

Lunedì 14 il caccia è decollato dalla base aerea di Gwalior per una esercitazione di routine. L’ordigno sganciato accidentalmente è caduto a 12 chilometri da Mohangarh, cittadina del distretto di Jaisalmer, creando un cratere profondo ben otto metri e danneggiando  pericolosamente gli argini del canale, mentre il reale obiettivo dell’esercitazione era Chandan Range, distante 25 chilometri dal luogo colpito.

Di sicuro tale assurdo errore pone qualche dubbio sull’effettiva capacità di Paesi come India, Pakistan o Corea del Nord di gestire un  arsenale nucleare. L’India, in via di rapidissimo sviluppo, non può certo permettersi simili ombre che mettano in dubbio il know how delle proprie Forze Armate.

flags_india

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple