Al Gore lancia l’allarme Artico

Scritto da: il 17.12.09
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Nel mentre a Copenhagen si attende l’intervento di Barack Obama alla Conferenza Onu sui mutamenti climatici, Al Gore gioca d’anticipo e lancia l’ennesimo (inascolato?) allarme sul cosiddetto riscaldamento globale. «Perché il cambiamento è già in atto – ha detto senza mezzi termini l’ex vicepresidente statunitense davanti alle telecamere della sua avveniristica Current Tv – e la calotta polare artica potrebbe addirittura scomparire durante il periodo estivo, già fra 5 o 7 anni». La percentuale che tale scenario si possa verificare? «Ben il 75%», secondo Gore.

Durante l’intervista, delle nuove ricerche sono state illustrate dall’esponente democratico, che giustamente considera il Polo Nord una delle aree più a rischio del mondo, con temperature che secondo taluni esperti stanno salendo con una rapidità doppia rispetto alla media.

Dopo An Inconvenient Truth, che ha vinto l’Oscar nel 2007 come miglior documentario, Gore si ripropone quindi quale teorico di punta dell’ambientalismo con il suo ultimo saggio, La scelta (in Italia edito da Rizzoli), tentando di dare nuove risposte sul riscaldamento globale.

«Fra gli Stati che stanno facendo di più per salvare il pianeta – sostiene Gore – di certo vi è la Svezia, ma tutti i Paesi scandinavi si stanno comportando bene ed anche la Gran Bretagna è tra i Paesi virtuosi. Del resto, i Paesi scandinavi fanno bene un sacco di cose, forse perché le loro società si sono sviluppate in una regione così fredda ed hanno quindi sviluppato un’etica diversa del lavoro».

«Il futuro della civiltà mondiale, nota Gore, dipende da uno sforzo globale per ridurre drasticamente l’inquinamento che conduce al riscaldamento globale». I passi da compiere? «Lo sviluppo di fonti rinnovabili di energia, di una agricoltura sostenibile e la riduzione della deforestazione. Perché l’alternativa è la catastrofe. Spesso si fa l’errore di confondere ciò che non è mai accaduto con qualcosa d’improbabile, ma sono proprio le eccezioni che uccidono e quella che rischiamo con il global warming è l’eccezione più grande che l’uomo abbia mai corso il rischio di veder concretizzare».

Al Gore, premio Nobel per la Pace nel 2007, anno in cui un suo documentario ha vinto l'Oscar

Al Gore, premio Nobel per la Pace nel 2007, anno in cui un suo documentario ha vinto l'Oscar

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple