Ancora sul bosone di Dio, ma anche sulla Royal Society che apre all’Intelligent Design

Scritto da: il 15.09.08
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Il post di qualche giorno fa sull’esperimento del Cern di Ginevra alla ricerca della particella basilare della materia (il bosone di Higgs o di Dio che dir si voglia) è stato in assoluto il più letto e commentato da quando ho inaugurato questo blog.
Ringrazio tutte/i per l’attenzione prestata alle mie considerazioni, in modo particolare Lula e Tiziana, che so seguire splendide (ma per me troppo faticose) vie di ricerca interiore che le pongono quotidianamente a contatto con l’essenza spirituale del nostro mondo. Io, più pavidamente, in genere analizzo al pc il dolore che la follia dell’uomo infligge ai più deboli ed al limite mi confronto con lo Spirito davanti ad un Rembrandt o ad un Vermeer, quando ho abbastanza denari per viaggiare. Ammiro la loro tenacia e sono distante anni luce dal cinico scetticismo di altri commentatori. Ma nella mia vita, chi mi ama lo sa bene, più che la Domanda potè la Pigrizia …

In ogni caso, l’esperimento del Cern, il più costoso e ambizioso della Storia,  continua comunque a far parlare di sé (un gruppo di hacker greci ha tentato di introdursi nei sistemi informativi degli scienziati svizzeri) e si interseca con altri temi vitali per capire la nostra Origine.

È di questi giorni, ad esempio, la clamorosa notizia che vorrebbe la Royal Society, tempio della Scienza inglese nato nel 1660, aprire al creazionismo ed alla sua variante moderatissima dell’Intelligent Design, la teoria del cardinale di Vienna Christoph Schoenborn illustrata per la prima volta sul New York Times nel luglio del 2005 e da quell’estate destinata ad infiammare il dibattito fra Scienza e Religione.

Il 63nne Schoenborn, che io stimo enormemente, è il “capo” mondiale dei domenicani, un uomo di Dio che  mio avviso sarebbe in grado di guidare splendidamente la Chiesa dopo la – prima o poi inevitabile – dipartita di Sua Santità Benedetto XVI, che di anni ormai ne ha 81. La sua teoria del disegno intelligente - che, per inciso, potrebbe benissimo passare anche per una variante moderata dell’evoluzionismo – non sconfessa quella di Charles Darwin, ma semplicemente la subordina ad una Intelligenza ordinatrice suprema. L’evoluzione è innegabile, dice Schoenborn, ma un Dio l’ha guidata.

Dopo tre anni di serrate polemiche globali, ora la ragionevolissima posizione del cardinale austriaco ha fatto breccia financo alla Royal Society, una sorta di “Casa Darwin” per così dire.
Segno che l’esigenza di Spiritualità, che la Domanda sull’origine, che l’esigenza di senso e significato del cuore dell’uomo non possono essere più negate o sottaciute da un mondo che, a forza di fare a meno di Dio, non solo si è consegnato a Falsi Idoli fonte di sofferenza varia, ma ha anche contribuito a dare spazio sul pianeta a chi talune istanze le cavalca ignobilmente per affermare una visione distorta ed immonda di una delle tre religioni del Libro. Visione distorta ed immonda fonte di Dolore, di Chaos, di Morte.

Perché la follia islamista che infiamma vaste aree del mondo – e che ha scritto una pagina di sangue della nostra Storia come quella dell’Undici Settembre – ha radici contorte e complesse. Ma l’ipermaterialismo dell’Occidente di certo ha contribuito a porci quali bersaglio privilegiato dei seminatori d’Odio.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple