Attacco alla Corea del Sud, l’ultima follia di Kim Jong-il

Scritto da: il 23.11.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Devono davvero essere in condizioni economiche disperate i nordcoreani per tentare la follia di stamattina: dei colpi di artiglieria dalla Corea del Nord hanno colpito la Corea del Sud e vi sono una settantina di case in fiamme sull’isola di Yeonpyeong, al confine occidentale fra i 2 Paesi (così vicini, così lontani). Al momento vi sarebbero solo 2 soldati sudcoreani morti, ma anche anche diversi feriti (14 quelli appartenenti alle Forze Armate di Seul). I residenti dell’isola sono stati evacuati nei bunker e l’Esercito è stato posto in massima allerta. Secondo fonti non confermate, la Corea del Sud avrebbe anche risposto al fuoco, facendo levare in volo numerosi caccia da combattimento.

Sulle motivazioni dello sconsiderato gesto nulla al momento è dato sapere. Si possono soltanto avanzare ipotesi, la più verosimile delle quali ha una motivazione economica spinta: Pyongyang è ormai alla fame e tenta di accelerare il processo di fusione fra le 2 entità statali, nel medio-lungo periodo inevitabile, tentando di scatenare una guerra che non può vincere sul campo, ma al tavolo delle eventuali trattative post-belliche sicuramente sì. Una strategia che prevede uno scientifico “tirare la corda fino a farla spezzare” nella speranza che il sicuro desiderio della comunità internazionale di porre rapidamente fine al caos giochi a favore dei gerarchi del Nord al momento di trattare la pace.

Sullo sfondo, ovviamente, il lento e confuso processo di successione a Kim Jong-il. Il dittatore vorrebbe imporre il terzogenito Kim Jong-un (classe 1983) quale suo erede al potere, ma non tutta la nomenklatura veterostalinista pare essere d’accordo ad affidare la guida del Paese al giovane rampollo. Da qui talune tensioni di cui già era trapelata notizia che potrebbero anche essere all’origine dell’immotivato “colpo di testa” di qualche ora fa.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple