Banca del Mezzogiorno, fra il grottesco e l’inutile spinto

Scritto da: il 16.10.09
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Qualche anno fa ebbi modo di visionare un “alto” faldone di documenti inerenti l’originario progetto per la Banca del Sud, progetto in cui, se non ricordo male, doveva anche entrare il Vaticano, tanto che uno dei protagonisti degli incontri di preparazione era un cardinale poi prematuramente scomparso. Non ho più con me tutto quel materiale, ma la mia fonte dell’epoca credo ancora di sì. Neanche a dire che l’idea era di amplio respiro, ben altra cosa da quella annunciata dal governo  Berlusconi con la nascita ufficiale della Banca del Mezzogiorno, che anche nel brand comincia male, con una chiara eco della famigerata Cassa del Mezzogiorno.
E così, per l’ennesima volta, la montagna ha partorito il topolino. E proseguo con le frasi fatte aggiungendo che ogni tanto anche Omero sonnecchia. Intendendo per Omero quel Giulio Tremonti che nella sua carriera da economista/ministro di idee  più belle di questa qui di certo ne ha avute a decine.

Intanto suona molto strano che una simile megastruttura non avrà sedi proprie,ma si appoggerà alla capillare rete del Banco Posta e delle banche di credito cooperativo. Fatto lo sforzo primario, si poteva anche fare quello di dare visibilità e maggiore concretezza all’iniziativa con almeno una centrale per ogni città di peso del Meridione. Ed invece si è preferita la via ectoplasmatica della sinergia con altri soggetti.

Eppoi, quanto alle funzioni della nuova banca, non è un po’ troppo semplicistico parlare di un ente nato per dare credito alle pmi meridionali? Sua questa vicenda a sentir parlare Tremonti, che in altre occasioni ha dato prova di concretezza se non nordica quantomeno mitteleuropea, sembra di assistere al campionato mondiale della vaga intederminatezza. O dell’indeterminata vaghezza, fate voi …

Insomma, fuori dai denti, la Banca del Mezzogiorno sarà un carrozzone senza avere il coraggio di esserlo fino in fondo. Patetico.

Antica mappa del Regno delle Due Sicilie

Antica mappa del Regno delle Due Sicilie

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple