Bianco: «fare di Catania una Città del Sole»

Scritto da: il 03.06.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Un Enzo Bianco pacato come sempre ma preciso ed assai determinato ha appena illustrato alla stampa alcune proposte al sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, «per il rilancio di una città – ha dichiarato – che per ora ha sì evitato il dissesto, come evidenzia anche la Corte dei Conti, ma che è ormai in uno stato comatoso».

Un aneddoto che Bianco ha raccontato ai giornalisti fa molto riflettere. «Passeggiando con Rita Borsellino alla Pescheria quasi non ho incontrato nessuno, quando fino a qualche tempo fa di mattina vi era la ressa. Parlando con i venditori ho potuto constatare come la crisi economica in atto stia segnando profondamente la vita delle persone, che hanno davvero serie difficoltà anche ad acquistare i beni primari. Uno scenario avvilente, insomma, che ha sullo sfondo quello altrettanto avvilente di un Comune che ormai non programma e non progetta più nulla».

Perché, se è vero che i magistrati contabili di Palermo hanno affermato che al momento non sembrerebbero sussistere le condizioni per il dissesto, è altrettanto vero, ha evidenziato Bianco che «serve un piano serio e credibile per rilanciare l’attività del Comune e “salvare” le partecipate», che rappresentano, insieme alla municipalizzata dei trasporti Amt, un nodo assai dolente della vicenda. Ben evidenziato dalla stessa Corte dei Conti, la cui recente delibera contiene numerosi campanelli d’allarme che, ha sottolineato Bianco, «non vanno assolutamente presi sottogamba, soprattutto in virtù del fatto che non vi è un vero piano finanziario, serio e credibile, per sanare la pessima situazione del Comune, che resta estremamente preoccupante».

Bianco ha dubbi anche sull’operazione di dismissione del patrimonio immobiliare, «operazione fatta innanzitutto per coprire l’indebitamento fuori bilancio che l’amministrazione stima in 55 milioni di euro, mentre io credo che sia molto più elevato».

Il senatore democratico ha insistito nel dire che manca anche uno specifico piano per le partecipate, che sarebbe invece fondamentale.

«Quella presentata dall’amministrazione è solo una ricognizione dell’esistente – ha detto Bianco – e la stessa Corte ha evidenziato come per la Multiservizi urgano interventi drastici per evitare il peggio, così come per l’Amt, la cui questione va affrontata e risolta, innanzitutto rinnovandone il vertice, unico ad essere rimasto tale e quale dalla precedente amministrazione. La situazione è grave e serve un severo piano di rientro, che rimetta la municipalizzata in condizione di offrire un servizio efficiente».

Allo stesso tempo, ha continuato il senatore democratico, «occorre riavviare un’azione politica che guardi al futuro della città: noi proponiamo di trasformare la via Etnea in un grande centro commerciale all’aperto, per contrastare gli ipermercati che stanno strangolando l’economia cittadina, e di far diventare Catania la “Città del Sole”, promuovendo una grande operazione per la diffusione di pannelli solari e fotovoltaici in tutte le abitazioni».

Un’idea di grande interesse ed un marchio, “Catania Città del Sole”,  con un bel riferimento alto al capolavoro di Tommaso Campanella, che potrebbe fortemente contribuire al rilancio dell’ex Milano del Sud.

L’ex sindaco repubblicano della città è poi tornato sull’esigenza di avere quanto prima un piano regolatore generale che consenta di far ripartire gli investimenti su Catania e sbloccare la cinquantennale vicenda di corso dei Martiri.

Enzo Bianco
Enzo Bianco
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple