Catania, qualche comunicato del Comune per riflettere sul caso Pescheria

Scritto da: il 07.09.09
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Qui di seguito inserisco come post tre comunicati ufficiali del Comune di Catania a distanza di anni sullo storico mercato del pesce. Il primo è di ieri. Gli altri due sono più datati.
Ritengo che a leggere bene il tutto si riesca a comprendere qualcosa in più dell’operazione di pulizia/polizia voluta qualche giorno fa dal sindaco Raffaele Stancanelli.

Comune di Catania – Ufficio Stampa – 06.09.2009

Pescheria. Sindaco: «I risultati positivi frutto della collaborazione coi commercianti»

«La nuova Pescheria di Catania sta nascendo anche e forse soprattutto grazie al senso di responsabilità e collaborazione degli operatori commerciali che hanno compreso come la nostra azione fosse finalizzata a restituire dignità e direi agibilità in uno dei luoghi più caratteristici della nostra città che rischiava un irreparabile degrado». Lo ha affermato il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli che in questi giorni ha incessantemente coordinato, prima, gli interventi per contrastare il fenomeno degli “irregolari” e delle cattive condizioni igienico-sanitarie in cui venivano venduti i prodotti alimentari e in particolar modo il pescato locale e, nelle ultime ore, le soluzioni anche logistiche affinché le attività commerciali riprendessero a pieno ritmo ma nel rispetto delle norme amministrative e sanitarie.

«Grazie anche all’impegno dei tecnici dell’Urbanistica che hanno ridisegnato opportunamente gli stalli – ha aggiunto il sindaco – siamo riusciti a ricavare circa ottanta posti per la vendita in piazza Alonzo Di Benedetto e già siamo in grado di rilasciare le relative autorizzazioni che sono comunque subordinate al rispetto delle norme igienico sanitarie. Nei numerosi incontri che ho avuto coi commercianti – ha aggiunto Stancanelli- ho registrato una fortissima adesione alle nostre proposte di mettersi in regola tanto che ora sono essi stessi che si stanno aiutando vicendevolmente per riprendere la piena attività con le nuove modalità, consapevoli che nell’Amministrazione Comunale hanno trovato e continueranno a trovare un’interlocuzione ferma ma costruttiva nel venire loro incontro alle specifiche esigenze che vengono prospettate».

Un’opera di reciproco sostegno al cambiamento e al rispetto delle regole che è anche frutto del dialogo: «Il caso della Pescheria, come quello della Ztl nel centro storico – ha infine concluso Stancanelli – sono stati portati avanti nell’interesse dei cittadini non prevaricando le esigenze realmente fondate, ma anzi assecondandole con le soluzioni più idonee. Un’ alleanza che sta producendo ottimi risultati che è di buon auspicio perché il Comune e per esso l’Amministrazione Comunale può farcela in questo irreversibile impegno a fare rispettare, a tutti, le regole solo se c’è la collaborazione dei cittadini che devono avere maggiore cura della loro città e aiutarci in questo nostro lavoro che naturalmente non si ferma a questi ambiti, ma sta interessando gradualmente tutte le attività cittadine».

———————————————————————————————————————

Comune di Catania – Ufficio Stampa – 06.08.2007

Completati i lavori di rifacimento della Pescheria. Oggi l’inaugurazione con  Vasta e Santamaria

Questa mattina, lunedì 6 agosto 2007, l’ex assessore alla Manutenzioni (ora al Personale) Gianni Vasta e l’attuale Salvatore Santamaria hanno inaugurato la “nuova” Pescheria dopo il completamento dei lavori di riqualificazione e facilitazione accesso ai luoghi di lavoro.

Relazione tecnica

1. Premessa:

- Il progetto avente per oggetto “Lavori di riqualificazione e facilitazione accesso ai luoghi di lavoro della pescheria” nel Comune di Catania, è inserito nel P.I.T. n. 35 “Catania Città Metropolitana, Intervento n. 5.02, Codice Identificativo 1999.IT.16.1.PO.011/5.02/6.1.5/080 – P.O.R. Sicilia 2000-2006. Le opere finanziate dall’Assessorato Regionale Lavori Pubblici con DDG n. 403 del 12/03/2004, per un importo complessivo di € 2.200.000, di cui € 1.600.000,00 per lavori ed € 600.000,00 per somme a disposizione dell’Amministrazione.

Esso prevedeva il rifacimento delle infrastrutture ricadenti nella zona dello storico quartiere della “Pescheria”, ed in particolare il rifacimento della pavimentazione di strade e piazze nonché il rifacimento ed il potenziamento delle infrastrutture e servizi quali impianto fognario idrico elettrico e gas, necessarie a migliorare le condizione di vita dei residenti, dei commercianti, degli avventori e dei turisti che giornalmente lo frequentano sia nelle ore di mercato sia nelle ore notturne, affascinati dai prospetti barocchi di Palazzo dei Chierici, di Piazza A. Di Benedetto, Porta Carlo V, Porta Uzeta e delle zone limitrofe prospicienti Piazza Duomo.

Il progetto prevedeva inoltre la demolizione di due fatiscenti edifici in Piazza dell’Indirizzo antistante Via Zappalà Gemelli.

L’area di intervento originariamente, si presentava in tutta la sua estensione pavimentata con vecchio basolato lavico, in parte ricoperto da ampie chiazze di conglomerato bituminoso e cementizio, a seguito di interventi manutentivi, svolti nel corso degli anni, per ripristinare il fondo stradale.

- La zona d’intervento, avente una estensione di circa mq 4.500,00 comprendeva le seguenti strade e piazze:

1. Via Pardo;

2. Piazza Pardo;

3. Piazza Alonzo di Benedetto;

4. Via Zappalà Gemelli (tratto finale e relativo slargo antistante la chiesa della Madonna della Lettera adiacente Piazza dell’Indirizzo);

5. Via Bottino;

6. Marciapiedi di Via Dusmet antistante i prospetti di Palazzo dei Chierici;

7. Zona mercato coperta tra Piazza Alonzo di Benedetto, Via Dusmet e Piazza Pardo.

- Gli interventi previsti sono consistiti principalmente nel rifacimento della pavimentazione stradale previo consolidamento dei sottoservizi esistenti che si trovavano in precarie condizioni di stabilità, quali il sistema fognario; nel miglioramento dell’impianto di pubblica illuminazione esistente con l’utilizzo di appropriati corpi illuminanti in modo da mettere in risalto l’architettura dei luoghi; nella predisposizione dei cavidotti per l’interramento dei cavi elettrici e telefonici in atto fissati sulle facciate dei palazzi; nell’ammodernamento delle reti idriche, elettriche, telefoniche e del gas; nella ripresa dei percorsi pedonali esistenti e nella sistemazione di piccoli spazi integrati con i servizi e gli stand di vendita.

- Per una migliore fruibilità degli spazi, è stato scelto in alcune zone di rialzare la quota delle sedi stradali e delle piazze, comunque più bassa di quelle delle soglie degli immobili esistenti per evitare allagamenti in caso di precipitazioni.

- Gli spazi attrezzati con impianti tecnologici destinati alle rivendite di prodotti ittici, sono stati realizzati in Piazza A. di Benedetto, in Piazza Pardo e nella galleria del Mercato coperto che li collega con Via Dusmet, luoghi storici di vendita al dettaglio del pesce.

- In sede progettuale la scelta dei materiali è stata fatta tenendo conto dell’ubicazione dell’area di intervento, situata nel cuore del Centro storico di Catania, prevedendo per la pavimentazione stradale basolato lavico, migliorando l’impianto di pubblica illuminazione di per sé carente, alfine anche di mettere in risalto la bellezza dei prospetti barocchi di Palazzo dei Chierici, di Piazza A. Di Benedetto, Porta Carlo V, Porta Uzeta e delle zone limitrofe prospicienti Piazza Duomo;

- Il progetto è stato bandito in gara con asta pubblica e aggiudicato all’impresa CE.ME.A. s.r.l. L’importo dei lavori di € 1.600.000,00 comprensivi di oneri per la sicurezza si è ridotto, per effetto del ribasso d’asta del 22,43 % in € 1.246.297,60 comprensivo di € 32.000,00 per oneri per la sicurezza

- Il Responsabile Unico del Procedimento è stato l’Ing. Gaetano Bonanno

- Il Direttore dei lavori il geom. Mario Filippo Tambone.

- Il Responsabile della sicurezza l’ing. Francesco Columba.

2. I lavori eseguiti sostanzialmente sono conformi al progetto originario salvo le variazioni migliorative apportate in fase esecutiva, in particolare in PIAZZA ALONZO DI BENEDETTO E MERCATO COPERTO, oltre alle prescrizioni della Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Catania, sono stati istallate, anche tenuto conto del parere degli stessi operatori, colonnine tecnologiche a parete in sostituzione di quelle a scomparsa a pavimento previste in progetto perchè facilmente utilizzabili ed inoltre è stata istallata una ringhiera in ferro sul muretto del vecchio lavatoio, a protezione delle persone che giornalmente accedono al mercato Per migliorare l’intercettazione e lo smaltimento delle acque meteoriche sono stati effettuati interventi suppletivi di pulizia dei canali di scarico, ostruiti parzialmente o totalmente da detriti accumulatisi nel corso degli anni; inoltre per alcuni di essi si è dovuto procedere ad accurati e risolutivi interventi manutentivi perchè ammalorati in modo tale da causare avvallamenti della sede stradale per parziale cedimento delle volte degli stessi canali; non tutti i cedimenti erano visibili a seguito di precedenti interventi manutentivi consistenti nella posa di manto bituminoso o di conglomerato cementizio.

- Premesso che la preesistente tubazione di distribuzione di “gas di Città” non serviva tutte le aree , in fase di esecuzione dei lavori è stato realizzato un nuovo impianto di distribuzione gas, dimensionato in modo tale da migliorare il servizio per le utenze esistenti e realizzando nuova rete di distribuzione per le potenziali utenze future della zona.

- L’impianto idrico è stato totalmente rifatto in considerazione del pessimo stato di conservazione di quello esistente; esso è stato realizzato in conformità alle prescrizioni dimensionali ed esecutive fornite dall’Azienda S.I.D.R.A. Azienda di distribuzione dell’acqua potabile.

- Sono stati posizionati cavidotti per l’impianto di distribuzione di energia elettrica sia per uso privato che per la pubblica illuminazione e cavidotti per le linee telefoniche in modo da evitare la posa di cavi a vista lungo le facciate degli edifici. I cavidotti per l’energia elettrica sono stati dimensionati e posizionati in conformità alle direttive dell’Ente distributore dell’energia elettrica.

- Inoltre, come precedentemente descritto, i posti vendita di Piazza Pardo e Piazza A. di Benedetto sono stati provvisti di torrette tecnologiche del tipo a scomparsa nel mercato coperto sono stati istallati torrette a parete .

- l’impianto di pubblica illuminazione è stato integrato e migliorato a seguito di progetto comprensivo di studio di illuminotecnica.

- Sono state collocate panchine in ferro e ghisa uguali a quelle collocate nelle aree del centro storico di Catania architettonicamente confacenti ai luoghi;

In Piazza dell’Indirizzo è stato collocato un beverino in pietra lavica.

———————————————————————————————————————

Comune di Catania – Ufficio Stampa – 14.11.2005

Pescheria, sono cominciati i lavori di ristrutturazione. Scapagnini: «Presto una nuova e bellissima pescheria»

«Il grande progetto di sviluppo e di ristrutturazione di Catania arriva alla Pescheria permettendoci di valorizzare fortemente il più antico e tradizionale del nostri mercati storici». Con queste parole il sindaco di Catania Umberto Scapagnini ha dato il via ai lavori che nel volgere di pochi mesi cambieranno definitivamente il volto della Pescheria.

Una folla festante e incuriosita composta dagli operatori, dagli acquirenti, dai visitatori occasionali, dati soliti tanti turisti era presente alla cerimonia oltre all’assessore alle Manutenzioni Gianni Vasta, all’assessore al Commercio Mimmo Rotella, al vicecomandante dei Vigili Urbani il colonnello Aldo Torrisi, al responsabile del Traffico Urbano l’ingegnere Corrado Persico, al responsabile unico del procedimento l’ingegnere Gaetano Bonanno, al direttore dei lavori il geometra Mario Tambone.

«Tengo a sottolineare – ha affermato il sindaco Scapagnini – come finalmente sia invalsa a costume quella che mi compiaccio di definire una “democrazia partecipata”, cioè la piena collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione di iniziative volte al miglioramento e alla crescita della nostra bella città. Sia da parte dell’ Amministrazione che dell’impresa appaltatrice massimo sarà l’impegno affinchè non si verifichino ritardi nel completamento dei lavori».

«Dopo tanti, troppi, interventi tappa-buchi – ha aggiunto l’assessore Vasta – restituiremo la pescheria ai catanesi entro e non oltre il 28 gennaio, in tempo per permettere il corretto svolgimento delle festività agatine».

«Quello dei lavori di sistemazione della pescheria – ha sottolineato l’assessore Rotella – è l’ennesimo esempio di riuscita cooperazione tra le parti: di concerto con gli operatori e le associazioni sindacali, finalmente ad uno dei gioielli più rappresentativi della nostra città, come è la pescheria, sarà restituita la sua giusta dignità».

Il progetto riguardante la ristrutturazione della Pescheria, elaborato dalla VIII Direzione “Manutenzioni e Servizi Tecnici” del Comune di Catania in stretto e continuo contatto con la Soprintendenza e le associazioni di categoria, ha tenuto principalmente conto della carenza di tutte quelle infrastrutture necessarie per la migliore vivibilità dei commercianti, degli acquirenti e dei tanti turisti che frequentano lo storico mercato. La zona di intervento interessa via Pardo, piazza Pardo, piazza Alonzo di Benedetto, via Zappalà Gemelli, via Bottino, la galleria di Carlo V e il marciapiede antistante Palazzo dei Chierici di via Dusmet.

L’area si presenta attualmente pavimentata con il vecchio basolato lavico in più parti ricoperto d ampie chiazze di conglomerato bitumoso che è stato posto negli anni per ricoprire gli innumerevoli cedimenti dei sottoservizi. E’ prevista anche la demolizione di alcuni edifici fatiscenti e diroccati che si trovano in via Zappalà Gemelli nei pressi della chiesa della Madonna della Lettera.

Ecco i dettagli dell’intervento: il rifacimento dei tratti stradali attualmente in scadenti condizioni manutentive, con il riutilizzo dopo un’adeguata lavorazione della pavimentazione in basolato lavico; il rifacimento dei marciapiedi e dei percorsi pedonali in cattive condizioni; l’integrazione e l’adeguamento dell’esistente impianto di illuminazione stradale con l’obiettivo di formare un gioco di luci che possa dare anche risalto ai prospetti dei palazzi storici; la messa in sicurezza di vari tratti di strada; la canalizzazione degli impianti attualmente posti sulle facciate degli edifici storici, secondo le vigenti normative; la pulizia e la realizzazioni di spazi a servizio del percorso; la sistemazione della rete fognaria esistente; la realizzazione di posti vendita attrezzati; il superamento delle barriere architettoniche; la massima fruibilità dell’area; la realizzazione di luoghi di aggregazione anche con la collocazione di diverse sedute in pietra; l’utilizzo di materiali locali, la realizzazione di impianti ad alta tecnologia ed a bassa manutenzione. L’area interessata è di circa 4.500 metri quadrati. L’intero progetto è stato pensato tenendo conto della normativa collegata alla Legge 13/89.

La prima fase di lavoro ha avuto inizio oggi e si concluderà entro il 28 gennaio 2006 per consentire il regolare svolgimento delle Festività Agatine. Saranno poi messe in atto, secondo un apposito calendario, la seconda fase che prevede la pavimentazione della galleria di Porta Carlo V e di piazza Alonzo di Benedetto, la terza che prevede la pavimentazione di piazza dell’Indirizzo e di via Bottino, la quarta di via Pardo nelle ore pomeridiane. Poi, quando l’amministrazione avrà potuto reperire le risorse economiche necessarie, si completerà l’intervento generale con il rifacimento delle altre vie dell’area della Pescheria: via Riccioli, via Dottore, via Zappalà Gemelli e via Gisira. I lavori dureranno 548 giorni lavoratori e si impegna quindi la ditta appaltatrice ad ultimarli entro la primavera del 2007. Quando tutto sarà finito gli operatori torneranno nei posti precedente occupato senza alcuna variazione.

Il costo dell’intera realizzazione è di 2.200.000 euro ottenuti grazie alla Misura 5.02 del Pit (Progetto Integrato Territoriale) “Catania Città Metropolitana”.

Un bellissimo scorcio notturno della Pescheria di Catani (foto di Kasia Pfeiffer)

Un bellissimo scorcio notturno della Pescheria di Catania

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple