Dall’Ira all’Ita (Irish Traffic Army)

Scritto da: il 05.03.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

L’Irlanda è al centro di un commercio illegale di sigarette che coinvolge tutta l’Europa. Il nuovo business pare veda un ruolo centrale di ex membri dell’Ira, l’Irish Republican Army, che opererebbero insieme a trafficanti di droga. Salato il conto economico per Dublino, visto che il contrabbando di sigarette sta vivendo una incontenibile fase di crescita: nel 2009 400 milioni di euro in meno per il Tesoro irlandese, fra tasse e contributi vari evasi.

Com’è storicamente accertato, durante gli anni terribili del conflitto nordirlandese (da metà anni Sessanta al 1998) il contrabbando di sigarette era appannaggio dell’Ira, il gruppo armato indipendentista repubblicano che si finanziava in molti modi, alcuni anche originali, come il contrabbando di carburante. Ora, pare che dopo lo scioglimento del gruppo terroristico gli ex membri abbiano deciso di continure ad occuparsi del traffico di sigarette, mettendosi in affari con i delinquenti con i quali erano già abituati a lavorare.

Secondo gli inquirenti, i vecchi membri dell’Ira, i nuovi della cosiddetta Real Ira e criminali comuni avrebbero costruito una colossale rete internazionale di traffico di sigarette contraffatte, operante dagli Stati Uniti all’Asia, passando per l’Europa dell’Est.

Insomma, dall’Ira all’Ita, Irish Traffic Army … Miseria della lotta armata …

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple