Elezioni in Islanda, sinistra in vantaggio

Scritto da: il 26.04.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

L’alleanza di sinistra formata da Socialdemocratici e Verdi è in vantaggio nelle elezioni politiche anticipate (caso più che anomalo per l’area nordica) in Islanda. Secondo le primissime proiezioni della Commissione elettorale, diffuse tramite la televisone di Stao Ruv, la coalizione si attesterebbe su di una percentuale del 55.2%, che garantirebbe circa 36 seggi su 63.

Il Partito socialdemocratico ed il movimento Sinistra-Verdi guidano al momento il governo di transizione dopo aver sostituito ai primi di febbraio i conservatori, considerati i principali responsabili della crisi economica che ha travolto il piccolo Paese artico.

Bandiera islandese

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple