ETA vs TAV

Scritto da: il 16.08.08
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

L’Eta (Euskadi ta Askatasuna, Paese Basco e Libertà), il gruppo terroristico basco di sedicente matrice marxista (anche se io ho un po’ di orticaria quando formazioni separatiste-indipendentiste-nazionaliste si definiscono anche marxiste), ha rivendicato tre attentati alla linea Tav spagnola, esattamente a Zarauz, Orio e Hernani, parlando del diritto della gente a decidere in merito all’alta velocità.

Non vorrei sembrare troppo (politicamente) scorretto, ma in realtà lo sono, quindi riassumo un po’ sommariamente (adoro riassumere sommariamente): un gruppo terroristico noto in tutto il mondo per la sua ferocia stragista si dichiara contro la Tav e comincia a compiere attentati lungo la linea in costruzione nel nord della Spagna, i Verdi sono contro la Tav, in Italia come in Spagna come a Vattelappesca.

Non dico nulla, giuro, sono solo soletto nella mia camera da letto, neanche volendo avrei con chi parlare … Ho soltanto un grande sorriso stampato in faccia … Che un sanguinario gruppo di terroristi dichiari di pensarla come i Verdi, antimodernisti a me da sempre sommamente antipatici,  mi riempie di soddisfazione … Sarà mica reato? Magari al-Qaeda mi facesse il regalo di dirsi contro il Ponte sullo Stretto …

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple