Idea Catania, una tempesta di proposte

Scritto da: il 01.02.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Ho aspettato un po’ di giorni per scrivere sull’incontro pubblico fra Nello Musumeci ed Enzo Bianco sostanzialmente perché avevo bisogno di metabolizzare le tante proposte e suggestioni di Idea Catania, un vero evento, con l’auditorium dell’ex Monastero dei Benedettini gremito nonostante le complessive 3 ore di interventi (in effetti un po’ troppi e non tutti essenziali).

Di idee per ripensare Catania e ridisegnare il suo futuro, il futuro di quella che potrebbe essere una delle città più importanti del Mediterraneo, ne sono state avanzate tante. Una fondazione che riunisca tutti i musei cittadini per garantire una regia unica della proposta museale e, ovviamente, maggiore efficienza. Il piano regolatore generale da definire in un’ottica non asfitticamente comunale, ma metropolitana. La creazione di un distretto del Sud-Est dell’Isola con Catania al centro. Lo stop ai mall che mettono a rischio la vita dei quartieri. Una seria riqualificazione dell’offerta turistica.

Ma per Bianco e Musumeci il problema più grave di Catania è identitario. Ormai i catanesi vivono la città con distacco, disamore e disinteresse per tutto e tutti. A mio avviso ormai vi è un vero deserto popolato da zombie che quotidianamente si scagliano uno contro l’altro. di identità. Musumeci e Bianco, per indole certo più ottimisti di me, hanno piuttosto preferito evidenziare l’esigenza «di un progetto di sviluppo di Catania cui devono contribuire tutte le forze sane, al di là di steccati e schieramenti» (la frase, per la precisione, è di Bianco).

Non sono mancate le comprensibili critiche a Raffaele Stancanelli, il sindaco-senatore che naviga a vista è che per Musumeci considera «ogni cosa comunque sempre meno importante del bilancio economico, con il risultato che ogni proposta è rifiutata ed ogni emergenza mai giustamente considerata perché per Stancanelli c’è sempre ben altro d’importante cui pensare, cui fare fronte».

Insomma, in tempi drammatici di crisi economica, ha evidenziato Musumeci concludendo, «in ogni altra città il Comune è in prima fila per superarla, a Catania invece il problema principale è proprio il Comune». Serve dire altro?

Nello Musumeci ed Enzo Bianco

Nello Musumeci ed Enzo Bianco

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple