Il Dalai Lama a Taiwan, proteste di Pechino

Scritto da: il 31.08.09
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Sua Santità il Dalai Lama, capo spirituale dei buddisti tibetani, è giunto a Taiwan per portare la sua solidarietà alle vittime del Morakot e visitare le zone più colpite del sud dell’isola, dove ad inizio di agosto il tifone ha ucciso 461 persone.
La Cina, che considera Taiwan una sua provincia ribelle, ha dichiarato che la visita comprometterà di sicuro il timido recente riavvicinamneto con Taipei. Per il governo cinese, il Dalai Lama non è una figura religiosa, ma politica, in quanto personalmente coinvolto nelle attività separatiste che fervono in Tibet.
Il presidente del Taiwan, Ma Ying-jeou ha autorizzato la visita su richiesta dell’opposizione, ma ha comunicato con non incontrerà personalmente il Dalai Lama per evitare ulteriori tensioni con Pechino.

Il Dalai Lama insieme a Giovanni Paolo II

Il Dalai Lama insieme a Giovanni Paolo II

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple