Il futuro del Pd? Bianco o Cacciari …

Scritto da: il 07.01.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Valutando tutto quel che sta accadendo in casa democratica (con l’ultima esilarante notizia delle registrazioni del colloquio al Comune di Napoli fra il sindaco Rosa Russo Iervolino ed il segretario partenpeo del Pd Luigi Nicolais, segno di sfiducia somma fra colleghi), appare chiaro come al Pd occorra, e di corsa anche, una nuova leadership.

Purtroppo Walter Veltroni non si è dimostrato all’altezza del compito ed occorrerebbe quindi procedere all’elezione di un nuovo segretario per uscire dalla crisi. L’occasione verrà molto probabilmente dalla catastrofe annunciata delle Europee 2009. Il risultato del Pd sarà così deludente da rendere impossibile a Veltroni la permenenza alla sua guida.

Ma chi può sostituire Veltroni in questo delicatissimo frangente? Il nome di Massimo D’Alema è troppo scontato, quindi tralasciamolo e proviamo a fare due proposte assai provocatore: Enzo Bianco e Massimo Cacciari.

Bianco è un ottimo amministratore con il temperamento e la mentalità del manager, grande esperto, tra l’altro, di meccanismi e sistemi elettorali (aspetto non marginale in un momento in cui il Pd deve trattare con il Pdl non una, ma più leggi elettorali). Se si vuole una guida accorta, in grado di organizzare al meglio il Partito, l’ex (ottimo) sindaco di Catania, a lungo anche alla guida del Copaco (il Comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti),  è la persona giusta.

Enzo Bianco
Enzo Bianco

Cacciari è Cacciari. Un filosofo di rilievo del ’900 europeo, un sindaco di Venezia oltremodo capace e – soprattutto direi, visti i bisogni del Pd – un politico lucido e dirompente, in grado di fare un’opposizione di rottura, ma raffinata e sommamente intelligente. Insomma, la dirigenza Pd dovrebbe gettarsi in ginocchio davanti a Caccari implorandolo di accettare un simile incarico …

 

Massimo Cacciari
Massimo Cacciari
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple