Ebraismo e cattolicesimo, dialogo con un obiettivo: la riconciliazione assoluta

Scritto da: il 13.03.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

La lettera di Benedetto XVI in merito alla revoca della scomunica per i lefebvriani è un testo «molto importante» e le sue parole «stupiscono positivamente.» Ad evidenziarlo è stato il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni.

Proprio agli ebrei il Papa, appunto nella missiva indirizzata alla Chiesa tutta, riserva parole assai positive, visto che da essi è scaturita la maggiore comprensione nella delicata crisi inerente il caso Williamson.

«Ci stupisce positivamente – ha dichiarato oggi Di Segni alla Radio Vaticana – la sottolineatura sul fatto che siano stati proprio gli amici ebrei a comprendere le parole del Papa. Quindi, va letta come un gesto di attenzione nei nostri confronti».

Di Segni ha poi avanzato una importante valutazione generale sul dialogo fra ebrei e Chiesa cattolica: «Noi abbiamo tanti problemi nel confronto ebraico-cristiano: problemi teologici e storici molto delicati che ci dividono. Alcuni ci dividono in maniera insormontabile, perché chiaramente le differenze ideologiche non possono essere colmate, ma altri ci dividono solo da un punto di vista storico-emozionale. Però abbiamo anche impegni di testimonianza comune, possibilità di agire nella società con i valori che condividiamo. Se si toglie la parte conflittuale, ogni cosa che ne consegue può essere un grande frutto e un grande bene per tutti».

Un po’ prima di morire, il fondatore di Comunione e Liberazione, Luigi Giussani, disse che nel medio-lungo periodo non è impossibile una riconciliazione assoluta fra ebraismo e cattolicesimo. Di certo le parole di oggi di Di Segni sono un bel passo in tale direzione. 

Riccardo Di Segni
Riccardo Di Segni
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple