Islanda a rischio insolvenza

Scritto da: il 14.10.08
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Dopo il pauroso crollo di oggi della Borsa di Reykjavík (uno “spettacolare” -76,13% dopo tre giorni di chiusura), il Paese artico precipita nel rischio insolvenza. La corona islandese ormai è carta straccia e le casse dello Stato, fino a qualche mese fa uno dei più dinamici del pianeta, sono praticamente vuote.

Nonostante il ricorso al Fondo Monetario Internazionale, la situazione dell’Isola appare disperata. L’Islanda oggi è uno dei 6 Paesi a più elevato rischio insolvenza, alla stregua di Argentina, Pakistan, Ucraina, Kazakistan e Turchia.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple