Israele alle urne

Scritto da: il 10.02.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Si sono aperti stamane alle 07.00 (ora locale) in Israele i circa 9.500 seggi elettorali dove 4.8 milioni di cittadini voteranno per il rinnovo della Knesset, il Parlamento dello Stato ebraico.

Si tratta della diciottesima volta che si vota per le legislative nei quasi 61 anni di storia del Paese. Alle 22 di oggi, ad operazioni di voto concluse, saranno comunicati i primi exit poll, mentre i primi risultati definitivi sono previsti per domani mattina.

In queste elezioni anticipate, alle quali partecipano ben 33 liste, la sfida reale è fra il partito centrista, Kadima, guidato dal ministro degli Esteri Tzipi Livni e quello di destra, Likud, di Benyamin Netanyahu.

Poche le chance di una buona affermazione per la sinistra laburista di Ehud Barak, mentre, secondo i sondaggi, sarebbe in forte ascesa il partito di ultradestra, Yisrael Beitenouleader, guidato da Avigdor Lieberman.

Lieberman, di origini moldave, ha impostato la sua campagna elettorale accusando i cittadini arabo-israeliani di mancanza di lealtà verso lo Stato.

Un’incognita l’affluenza alle urne, che nelle ultime elezioni generali del marzo 2006 è stata del 63.5%.

Bandiera israeliana

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple