Italia nucleare, ora la politica non cali le braghe di fronte all’isteria degli ambientalisti

Scritto da: il 25.02.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Ieri Silvio Berlusconi ha fatto la mossa migliore del suo governo cominciato con la votazione plebiscitaria della primavera del 2008: la firma dell’accordo con la Francia per la costruzione di 4 centrali nucleari.

Certo, l’obiezione che Parigi punti a lucrare qualcosa sui fondi che l’Italia metterà a disposizione non è del tutto campata in aria, ma il know how francese ha un costo e bisogna pagarlo.

Fatta la delicata scelta, però, ora bisogna difenderla con i denti. L’antimodernismo ambientalista farà fuoco e fiamme per bloccare il megaprogetto, ma questo è troppo importante per il nostro Paese e non si potrà consentire ad un manipolo di verdi di bloccarlo.

Insomma, occorre semplicemente che la politica non cali le braghe di fronte all’isteria ambientalista che si scatenerà.

Il governo legittimamente eletto ha deciso che l’Italia torni al nucleare? Si prendano tutte le misure consentite in democrazia per difendere la scelta di Palazzo Chigi. Ne va davvero del futuro di tutti noi.

Nuclear Deal

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple