Junk Hellas, Junk Europe

Scritto da: il 28.04.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

L’annunciato default greco, a prescindere dalle responsabilità di chi negli anni ha governato ad Atene, sta ad indicare, se mai ve ne fosse stato bisogno, quanto sia soffocante l’orizzonte economicistico che si è scelto per creare l’unità europea. Una unità che si è voluta prima monetaria che politica, con il bel risultato di questi giorni: opinioni in libertà da parte di tutti i premier dei Paesi membri, ogni riunione per affrontare il problema Grecia finita in una bolla di sapone, le borse del continente che bruciano 160 miliardi di euro in un giorno ed i problemi della gente lasciati senza nemmeno una ipotesi di risoluzione.

Con il senno di poi, bene, anzi benissimo, hanno fatto Copenhagen, Londra e Stoccolma a non aver aderito all’euro, pur avendo i necessari parametri in regola. Hanno visto lungo, hanno visto giusto. Perché finora la moneta unica è servita (quasi) solamente a massacrare il potere d’acquisto dei cittadini, che nel 2002/2003 hanno avuto l’esistenza aggredita da una inflazione degna di un periodo bellico.

Per carità, è chiaro che senza l’euro la crisi globale esplosa nel settembre del 2008 avrebbe avuto effetti ben più gravi per un Paese come l’Italia. Com’è chiaro che oggi come oggi sarebbe una follia (peraltro tecnicamente quasi impossibile) tornare alle passate valute nazionali.  Ma la pessima gestione del caso greco è un drammatico campanello d’allarme per tutto il sistema Ue.

Almeno da un punto di vista politico, sia chiaro, il fallimento di Atene non sarà solo suo, ma sarà il fallimento di tutta l’Europa neoliberista. Insomma, Junk Hellas, ok … Ma anche Junk Europe … Senza sconti per nessuno …

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple