La guerra è nel dna dei primati?

Scritto da: il 23.06.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Secondo gli studiosi, si è da poco conclusa nella foresta ugandese, dopo circa 10 anni, una vera e propria guerra combattuta fra gruppi rivali di scimpanzé, finita con la conquista da parte di un “clan” del territorio prima occupato dai rivali vinti. La vicenda è la prima prova scientificamente osservata di un comportamento fin troppo umano da parte dei nostri “cugini”. Uccidere dei propri simili per conquistare spazio sarebbe quindi un input sostanzialmente genetico per tutti i primati.
La significativa scoperta, pubblicata su Current Biology, è di John Mitani, primatologo della University of Michigan di Ann Arbor, che ha appunto studiato per più di un decennio il gruppo di scimpanzé denominato “ngogo” dalla località in cui vive, dentro il Parco Nazionale Ugandese di Kibale.
Il gruppo, composto da oltre 150 scimpanzé, è il più numeroso dell’area e ciò gli consente, ovviamente, di controllare molto bene il proprio territorio e di ampliarlo anche. Chissà come si dice lebensraum nella loro lingua …

General Hondo

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple