L’indothriller è servito

Scritto da: il 09.01.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Lo hanno definito il primo thriller globale della storia della letteratura. Che sia il primo abbiamo qualche dubbio (eppoi, che cosa fa di un romanzo giallo un’opera globale o locale?), ma non è da escludersi che con queste sue mille e passa pagine Vikram Chandra, nato a New Delhi, ma da tempo trapiantato a Berkeley, in California, abbia davvero creato un nuovo genere, affascinantissimo: l’indothriller.

Ambientato in una Bombay/Mumbai che sappiamo essere odierna, ma dal netto sapore futureggiante e quasi post-atomico, vero crogiuolo della Globalizzazione, Giochi sacri è un classico hard boiled come da anni non se ne leggevano, utilissimo per capire l’India e tutto quel che vi accade, compresa una tragica emergenza come quella di fine novembre.

C’è tutto l’oggi e tutto il domani del pianeta in questo giallo, tutta la disordinata molteplicità del Reale nell’indagine dell’ispettore Sartaj Singh, che si dipana fra terrorismo, mafia indiana, minaccia nucleare e fallimenti privati. Sullo sfondo, Bombay, la megalopoli sospesa fra passato e futuro, fra tradizione profonda ed ipermodernità. Perfetta metafora dell’India, ma fors’anche dell’intero nostro mondo.

Vikram Chandra, "Giochi sacri", Mondadori, Milano, 2007, pp. 1184, euro 22.00.
Vikram Chandra, “Giochi sacri”, Mondadori, Milano, 2007, pp. 1184, euro 22.00.
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple