Non è un Paese per europeisti

Scritto da: il 08.05.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Nick Clegg è molto deluso dai risultati elettorali britannici e con lui gli analisti che lo davano in irresistibile ascesa. Una vera star in televisione e nei sondaggi, ma un fallimento bello e buono nel concreto delle urne.
Che cosa è accaduto allo svavillante leader dei Liberal Democrats? Nulla di particolare, come spesso avviene, una imprevista (ma non imprevedibile) coincidenza temporale lo ha messo ko.

Il crac della Grecia, infatti, ed il conseguente caos dei mercati europei lo hanno azzoppato oltremisura. In un momento in cui sembrava che gli elettori britannici timidamente potessero aprirsi all’europeismo, ecco che i fatti di Atene hanno rapidamente invertito il già debole trend. E il liberaldemocratici non sono riusciti a concretizzare nelle urne la grande simpatia che Clegg sicuramente attrae. Insomma, (ancora) la Gran Bretagna non è un Paese per europeisti …

Nick Clegg (Chris Ison/PA Wire Photo)

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple