Osama bin Laden è morto

Scritto da: il 02.05.11
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Per anni ho desiderato scrivere questa notizia: Osama bin Laden è morto. Lo ha annunciato il presidente statunitense Barack Obama. Il leader di al-Qaeda è stato ucciso da un commando americano in cooperazione con le Forze Armate pakistane  parrebbe con una pallottola alla testa mentre era in una villa/fortezza ad Abbotabad, a circa 50 chilometri da Islamabad, appunto in Pakistan. Insieme al grumo di Male responsabile dell’eccidio dell’Undici Settembre sono stati uccisi anche altri membri della famiglia bin Laden.

Queste le prime parole del presidente americano: «L’operazione è durata mesi, ho ordinato oggi l’intervento quando abbiamo avuto abbastanza informazioni di Intelligence. È il risultato più importante nella nostra lotta ad al-Qaeda. La battaglia non è finita, rimaniamo vigili. Ma la nostra guerra non è contro l’Islam».

E così quel che Bill Clinton non ha voluto fare, quel che George Walker Bush non ha saputo fare è riuscito a Barack Obama, che in pochi attimi ha riscattato una politica estera condotta fin qui in modo abbastanza deludente. Paradossalmente, lo stesso si può dire per i presidenti pakistani. L’ottimo  Pervez Musharraf  per anni ed anni ha dato la caccia al capo di al-Qaeda senza quella fortuna avuta oggi dal suo ambiguo successore, Asif Ali Zardari, marito di Benazir Bhutto.

Washington ha dichiarato che l’identità di bin Laden è provata oltre ogni ragionevole dubbio. Il corpo del burattinaio del terrorismo internazionale è in possesso degli americani, che a breve dovrebbero mostrarne le immagini al mondo intero per fugare ogni eventuale dubbio sull’operazione.

Ora il mondo è un posto più sicuro? Presto per dirlo. L’hydra qaedista potrebbe reagire furiosamente alla morte del leader, ma nel medio periodo l’internazionale del terrore islamista sentirà nel profondo la perdita della sua figura di riferimento più carismatica.

Certo, al-Qaeda è ormai da tempo una sorta di franchising del terrorismo e non ha bisogno di un coordinamento centrale. In tale ottica la morte di bin Laden potrebbe anche non intaccare in nulla la sua capacità operativa, ma almeno a livello simbolico (ancora importantissimo soprattutto nell’universo islamista) l’evento è di assoluto peso. Davvero un grande giorno per l’Umanità …

Osama bin Laden
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple