Panetta, un calabrese a capo della Cia

Scritto da: il 06.01.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Il presidente eletto del Stati Uniti d’America Barack Obama ha scelto l’italoamericano Leon Panetta come capo della Central Intelligence Agency. Panetta, di origini calabresi, è stato capo di gabinetto della Casa Bianca sotto la presidenza di Bill Clinton, dal cui staff Obama continua incessantemente ad attingere per le sue nomine, essendo l’unico ceto dirigente disponibile in casa democratica.

Il nuovo direttore della Cia è figlio di due emigranti italiani proprietari di un ristorante a Monterey, in California. Dopo la Janet Napolitano (segretario alla Homeland Security) è il secondo italoamericano ad avere un incarico di promissimo piano nell’amministrazione di Barack Obama.

Panetta, di simpatie ambientaliste e buon conoscitore delle tematiche legate alla spesa pubblica, aveva iniziato la sua carriera politica nel Partito Repubblicano (a metà degli anni ’60 fu accanto al senatore Thomas Kuchel e sotto l’amministrazione di Richard Nixon fu anche assistente al Dipartimento della Salute), ma, convinto antirazzista, ben presto abbandonò il Grand Old Party per via della sua tiepidezza nei confronti dei diritti civili degli afroamericani.

Nel 1971 passò al Partito Democratico, divenendo deputato alla Camera dei Rappresentanti dal 1976 al 1993, prima di divenire stretto consigliere di Clinton e capo di gabinetto della White House.

Leon Panetta, il nuovo direttore della Cia voluto da Barack Obama
Leon Panetta, il nuovo direttore della Cia voluto da Barack Obama
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple