Per l’Fmi l’economia mondiale si contrarrà più del previsto

Scritto da: il 19.03.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Il Fondo monetario internazionale ha ulteriormente tagliato le previsioni per l’economia mondiale. Secondo gli esperti dell’Fmi, il Pil globale registrerà nel 2009 una crescita (ossia una flessione) tra il -0.5% ed il -1%.

Di fatto, si tratterà della prima contrazione in 60 anni, a riprova della grave recessione in corso, di certo la peggiore dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Moderato ottimismo, invece, per quanto riguarda il 2010, che dovrebbe vedere una crescita graduale tra l’1.5% ed il 2.5%.

Logo Fmi

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple