Presentata “italiainmovimento”, festa nazionale de La Destra

Scritto da: il 15.09.10
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

È stata presentata oggi a Catania, a Palazzo Minoriti, la festa nazionale de La Destra che si terrà a Taormina questo fine settimana, da venerdì 17 a domenica 19. Alla presenza dei consiglieri provinciali e comunali del partito, Nello Musumeci ha illustrato i tanti appuntamenti di “italiainmovimento”, la manifestazione che porterà in Sicilia nel week end personaggi di rilievo della politica e dell’economia italiana, tanto dell’area governativa quanto dell’opposizione.

Si va dalla tavola rotonda su giustizia e legalità a quella su economia e sviluppo sostenibile, dall’incontro su federalismo e unità nazionale a quello con donna Assunta Almirante, vedova del leader missino Giorgio e all’intervista con Gioacchino Genchi sui segreti di Stato. Momento clou sarà, nella serata di sabato, l’intervento del presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi, che ha voluto accogliere l’invito di Storace e Musumeci e che potrebbe aver scelto Taormina per comunicare importanti notizie di interesse nazionale.

«L’attuale momento politico – ha dichiarato il leader siciliano de La Destra – richiede un confronto serrato su alcuni temi specifici. Nella nostra “tre giorni” taorminese è intenzione dare proprio un contributo in tale direzione, soprattutto mentre la gente in Italia guarda con molto più interesse, rispetto a qualche mese fa, alle forze politiche cosiddette minori. Registro tanto rispetto attorno a noi, negli ambienti politici e per le strade».

I sondaggi danno infatti La Destra in netta crescita dopo la rottura del rapporto tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini. «Luigi Crespi e Renato Mannheimer – ha proseguito Musumeci – ci danno rispettivamente al 2.2 per cento e al 2.5 per cento. Consideriamo, come appena prima dell’estate, fa le intenzioni di voto ci vedevano fermi all’1 per cento. Visto che la nostra forza non ha rappresentanti né al governo, né in Parlamento il risultato è certo significativo».

Ma “italiainmovimento” sarà anche e soprattutto l’occasione per parlare agli italiani. «Occorre tornare in fretta ad un’etica della responsabilità – ha evidenziato Musumeci – perché in politica non ci sono più regole ed è perciò necessaria una veloce inversione di rotta. Ovviamente, auspichiamo che chi è stato chiamato dagli elettori a governare governi e certo non possiamo non considerare anomalo che chi ha vinto le elezioni sia all’opposizione e chi le ha perse amministri. Legittimo cambiare idea, come ha fatto Fini ad esempio, ma viva anche la diversa libertà di non cambiare idea, come abbiamo preferito fare noi, per restare destra di governo, sociale, autonomista e attenta sopratutto al Mezzogiorno d’Italia».

Nello Musumeci

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple