Quantas, c’è sempre una prima volta …

Scritto da: il 26.07.08
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Se la memoria non mi inganna, quello di ieri sul volo Londra-Melbourne è il primo incidente serio nella storia della Quantas Airways, la compagnia di bandiera australiana. Ricordate? Era la sola compagnia sulla quale avrebbe mai viaggiato il tenerissimo personaggio autistico interpretato da Dustin Hoffmann in “Rain Man” (1988), appunto per il suo “record”.

Ma visto che per tutto c’è sempre una prima volta, sul Boeing 747 “Spirit of Australia” si è aperta una falla in volo di ben tre metri di diametro che ha causato la rapida depressurizzazione della cabina. Il pilota è stato quindi costretto ad un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Manila, nelle Filippine.

La bravura del capitano John Francis Bartels e del co-pilota Werninghous Bernd è stata però tale da confermare la fama di affidabilità della Quantas ed il terribile quarto d’ora vissuto dai 350 passeggeri e dai 16 membri dell’equipaggio alla fine ha avuto come esito solo tanta paura e nemmeno un ferito. Tanto che un viaggiatore è financo riuscito a filmare con la videocamera del suo telefonino gli attimi di terrore precedenti l’atterraggio.

Che sangue freddo. Ovvero che patologica mania di filmare tutto, anche gli attimi della vita che mai andrebbero eternati sul pellicola o sul file video …

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple