Si riforma il ghiacchio, inversione di tendenza al Polo Nord?

Scritto da: il 06.01.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Secondo i dati presentati dal Centro di Ricerca sul Clima Artico dell’Università dell’Illinois i ghiacci del Polo Nord sarebbero tornati questo inverno ai livelli del 1979.

Dopo l’allarme scioglimento degli anni e, segnatamente, dei mesi scorsi, quindi, le superfici ghiacciate pare siano aumentate abbastanza rapidamente.
Si sa come nei primi mesi del 2008 la superficie ghiacciata avesse subito una drastica riduzione, tale da far ipotizzare entro dicembre la scomparsa totale dei ghiacci artici. Ma da settembre in avanti il ghiaccio si è riformato velocemente, riportando di fatto i suoi livelli a quelli di circa una trentina di anni fa, quando nessuno si sognava di predire lo scioglimento del Polo.

Quel che accade, sotto gli “occhi” dei satelliti geostazionari che controllano l’area, è che ogni anno milioni di chilometri quadrati di banchisa polare si sciolgono in estate per poi riformarsi in inverno. Questo, ciclicamente, succede da millenni e millenni (anche se è vero che gli scioglimenti estivi sono sempre più vasti), solo che quest’anno gli esperti non pensavano ad una espansione così rapida dei ghiacciai stagionali.

Probabilmente, a causare il veloce raffreddamento avrebbe contribuito il calo dei venti artici, che ha reso più agevole la formazione di ghiaccio, non spazzando via gli strati superficiali di neve.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple