Sicilia sismica

Scritto da: il 18.04.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Dopo il tremendo terremoto in Abruzzo di inizio mese, anche i politici siciliani stanno cercando utili soluzioni preventive per scongiurare che un disastro naturale possa mettere in ginocchio l’Isola.

Su Milano Finanza Sicilia (che, come sempre per l’edizione “sabatina”, starà in edicola 7 giorni) ho pubblicato oggi un articolo in cui do atto dell’interesse in tal direzione di politici siciliani come il deputato regionale Salvo Pogliese (estensore di un disegno di legge all’Ars sulla prevenzione antisismica), l’assessore alle Politiche scolastiche della Provincia di Catania Giovanni Ciampi, il consigliere provinciale etneo Enzo D’Agata (responsabile del gruppo “Con Nello Musumeci per la Provincia”), in prima linea nel richiedere l’adozione del cosiddetto “fascicolo del fabbricato”.

Ma nel pezzo odierno per MF sottolineo anche come il Comune di Catania, a quanto mi risulta, abbia un accurato progetto (già pagato a chi lo ha ideato) per un capillare censimento delle unità abitative catanesi senza che lo abbia mai attivato.

Da logica, in un’area fortemente sismica come quella catanese, porre in essere un piano di profonda verifica dei dati abitativi dovrebbe avere la priorità. Forse non è così per l’amministrazione cittadina, che da quel che mi è dato sapere sta perdendo tempo prezioso tenendo in stand by il suindicato progetto. Ed una qualche idea del perché me la sono anche fatta …

Milano Finanza del sabato costa un po’ più del quotidiano, ma, credetemi, ne vale la pena …

Massime intensità mcrosismiche registrate in Sicilia dall'anno 1000
Massime intensità mcrosismiche registrate in Sicilia dall’anno 1000
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple