Sinistra e Libertà contro il “settarismo identitario neocomunista”

Scritto da: il 06.05.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Lo scontro a sinistra per giungere a Strasburgo si sta davvero facendo rovente. Qualche minuto fa su Canale 5 ho sentito un esponente di Sinistra e Libertà (il cartello elettorale formato da Sinistra Democratica, Verdi, Partito Socialista ed alcuni ex di Rifondazione come Nichi Vendola) dichiararsi, in riferimento alla lista più strettamente competitor alle prossime europee rappresentata da Rifondazione Comunista-Pdci, «contro il settarismo identitario neocomunista».  Serve commentare?

Spero siano gli ultimi stracci di quelli in volo dopo la disfatta della primavera 2008, ma in tutta sincerità un simile livore certo sarebbe meglio che Sinistra e Libertà lo indirizzasse contro i reali avversari politici di centro e di destra.

Che il virus “missino” della lotta senza quartere al nemico interno abbia definitivamenta attecchito nell’estrema sinistra italiana? Avvilente …

Un manifesto elettorale - stile aggressivissima pubblicità comparativa americana - in cui si identifica, molto scorrettamente a mio avviso, la lista Rifondazione Comunista-Pdci con il dittatore sovietico Stalin
Un manifesto elettorale – stile aggressivissima pubblicità comparativa americana – in cui si identifica, molto scorrettamente a mio avviso, la lista Rifondazione Comunista-Pdci con il dittatore sovietico Stalin
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple