Sondaggio Doxa, alle stelle il pessimismo degli italiani

Scritto da: il 04.01.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Ormai è record per il pessimismo degli italiani, il 47% dei quali pensa che il 2009 sarà un «anno nero». I sondaggi non hanno mai dipinto un quadro così fosco negli ultimi dieci anni, con il 60% degli intervistati che si attendono di avere difficoltà economiche anche gravi.

Insomma, se il 2008 è stato vissuto come un anno terribile, il 2009 rischia seriamente di essere ben peggio.

Le previsioni sono il frutto delle risposte ad un ormai tradizionale sondaggio di fine anno condotto dalla Doxa per l’Italia e dalla Gallup International Voice of the People per il resto del pianeta.

Il pessimismo non è comunque appannaggio degl italiani, visto che in molti altri Paesi, come Gran Bretagna, Giappone, India ed Argentina, le risposte non sono certo state allegre.

In Italia, il campione di 1.022 intervistati su domande inerenti le aspettative personali, le previsioni per economia e per il lavoro e lo scenario globale non lascia illusioni: gli italiani vedono nero. 

Basti guardare le attese personali per il nuovo anno, una sorta di indice della felicità, diciamo: il 47% è pessimista, a fronte di una media internazionale del 35%. Gli ottimisti? Mosche bianche, con solo il 15% degli intervistati che prevede che il 2009 possa essere migliore del precedente.

Più sfiduciati di noi sono soltanto i britannici, con il 52% di pessimisti (un anno fa erano appena il 20%).

Se poi si passa al delicato tasto delle previsioni su economia in generale e disoccupazione in particolare, il quadro peggiora. Vi è infatti appena un misero 3% di italiani ottimisti, mentre il 62% degli intervistati dal 2009 si aspetta nuove difficoltà economiche  (all’estero il dato è del 52%).

Quanto al tasso di disoccupazione, ben il 55% degli italiani si dichiara certo che aumenterà ulteriormente ed il 31% teme per il proprio posto di lavoro, mentre solo il 60% considera al sicuro la propria occupazione.

Insomma, il nuovo anno si apre davvero con la sfiducia degli italiani alle stelle, ma più che di pessimismo forse sarebbe meglio parlare di lucido realismo.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple