Su Nettuno … Ma non il pianeta blu …

Scritto da: il 03.02.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Dopo aver invocato la mano durissima nel confronti degli stupratori di Guidonia non si può tacere sull’efferato crimine di Nettuno.

La cittadina in provincia di Roma finora era conosciuta solo per aver dato i natali alla mitica ala destra della Nazionale campione del mondo 1982 Bruno Conti e per la stravincente (in Italia) squadra locale di baseball, disciplina un po’ marziana nel nostro Paese.

Ora, purtroppo, Nettuno è balzata al disonore delle cronache per la crudeltà senza limiti di tre grumi di Male che hanno dato alle fiamme un barbone che dormiva tranquillo in stazione.

Neanche a dire che per questi animali occorre che la Giustizia sia dura al pari che per i mostri di Guidonia. Infliggere pene esemplari e, anche per reati di tale natura, rimettere mano alla legislazione ed rendere le condanne davvero proporzionate a quanto commesso. E, sia chiaro, per me l’unica proporzione in casi del genere è la sproporzione …

Per inciso, le bestie inumane che a novembre furono protagoniste di un analogo episodio a Rimini sono state scarcerate qualche giorno fa e “parcheggiate” in una struttura sociale per un percorso di riabilitazione.

Insisto nel dire che di questo passo, per reazione, entro una quarantina d’anni l’Europa sarà non solo islamica, ma retta dalla Sharia …

La panchina della stazione di Nettuno dove un senza fissa dimora è stato arso vivo da un terzetto di criminali
La panchina della stazione di Nettuno dove un senza fissa dimora è stato arso vivo da un terzetto di criminali

 

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple