Una Tea Party punta alla Casa Bianca

Scritto da: il 28.06.11
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

Una conservatrice non da poco, che si presenta all’America come l’alfiere della Costituzione, della famiglia e della libertà. È la congresswoman repubblicana del Minnesota Michele Bachmann, che ha lanciato ufficialmente la corsa alla White House da Waterloo (in questo caso la pronuncia è uoterluu). Certo, il nome della cittadina non è il massimo del buon auspicio, ma che ci può fare la deputata? A Waterloo, nell’Iowa (per inciso, storicamente il primo Stato americano a tenere le primarie per i candidati alla presidenza), c’è nata 55 anni fa. E delle sue origini del Midwest lei è davvero molto fiera.

Repubblicana e membro del Tea Party, da giovane è stata democratica (fu una volontaria della campagna per l’elezione di Jimmy Carter nel 1976) ed oggi chiarisce la sua identità assolutamente non liberal. Di Barack Obama dice semplicemente che «non merita di essere rieletto presidente perché ha allontanato da noi il sogno americano, visto che il debito nazionale aumenta, acquistare una casa diventa sempre più difficile e il costo della benzina continua a salire».

I sondaggi, che già sono partiti, descrivono la lady – a questo punta un’antagonista dichiarata della Sarah Palin – impegnata in un testa a testa in Iowa, dove a febbraio del 2012 inizieranno le primarie repubblicane, con Mitt Romney, il mormone esperto di economia al momento favorito nel Grand Old Party. Grosso handicap di Romney, però, è la grinta, un po’ deficitaria. Mentre Michele Bachmann non ha paura di dire che sì, è possibile battere Barack Obama nel 2012.

Costante il riferimento della Bachmann a Daniel Webster, il senatore federalista del Massachusetts che ad inizio ’800 difendeva a spada tratta diritti costituzionali degli Stati americani dalla presunta invadenza del governo centrale. Identica la sfida che oggi la “leghista” Bachmann lancia ad Obama, reo di non difendere i cittadini dal potere del governo. Lo scontro presidenziale del 2012, quindi, potrebbe essere (nel caso, francamente improbabile, che possa essere lei la vincitrice delle primarie repubblicane) tutta incentrata sulla dialettica centro/periferia, con Obama e la sua politica molto calibrata sul ruolo del governo e la teoria di Webster/Bachmann con al centro non Washington, ma i cittadini americani.

Michelle Bachmann (AP Photo/Ron Edmonds)

 

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple