Unesco, prove tecniche in vista dello Stato palestinese

Scritto da: il 01.11.11
Articolo scritto da . Carlo Lo Re, giornalista e saggista, è un esperto di politica estera e terrorismo internazionale. Rientrato da qualche anno in Sicilia dopo un quasi ventennale “tour” d'Italia e d'Europa, vive a Catania, dove si occupa di economia e comunicazione.

In vista dell’appuntamento più grosso, quello per il riconoscimento dell’Onu, ieri la Palestina ha incassato una storica vittoria, il riconoscimento dell’Unesco, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di cultura, di scienza, di patrimonio dell’Umanità. Si tratta della prima agenzia Onu a riconoscere come suo membro l’Autorità Nazionale Palestinese, senza dubbio un gesto simbolico di grande rilevanza. La notizia, in sé (geo)politica, è stata per me fonte di una riflessione tutta intima su come cambino gli uomini e le loro convinzioni, su come si evolvano o, se preferite, si involvano.

Anni fa, diciamo una quindicina di anni fa, avrei gioito a sapere della scelta dell’Unesco. Oggi sono profondamente perplesso. Nel tempo, è infatti mutata di molto la prospettiva da cui guardo le cose. Dallo Stato palestinese come priorità alla sicurezza di Israele come priorità assoluta. Attenzione, nessun no preconcetto a che l’Anp diventi uno Stato vero e proprio. Ma solo quando questo non rappresenterà un pericolo per Israele. Per inciso, tutto ciò mi pone in contrasto netto sullo specifico argomento con le forze politiche italiane ed europee a me più vicine per ideali e pensiero economico, lacerando scelte e prassi della mia quotidianità.

Tornando all’Unesco, una domanda è d’obbligo: la sua decisione è pericolosa per Israele? Il riconoscimento palestinese è arrivato al termine di un mese in cui erano già state fatte scelte pesanti contro Gerusalemme e la sua identità. L’agenzia dell’Onu ha infatti adottato una proposta araba che ha dichiarato «siti palestinesi» la cava dei patriarchi (la fortezza di Hevron di Erode, dove è situata la tomba dei padri d’Israele Abramo, Isacco e Giacobbe), la tomba di Rachele (luogo dove le donne ebree pregano per la propria fertilità) e quella di Giuseppe. Impossibile non vedere quanto sia grave e pericoloso il tentativo di cancellare la storia del popolo ebraico insito in simili decisioni. Scrive oggi Fiamma Nirenstein su il Giornale:«Cancellare l’eredità culturale ebraica in Israele [...] significa cancellarne la legittimità storica a risiedere a casa propria». Come darle torto?

Da ultimo, non si può non notare come la divisione europea brilli sempre nei consessi internazionali. Per l’ingresso palestinese nell’Unesco hanno votato a favore l’Austria e la Francia, contro la Germania e l’Olanda, mentre Italia e Regno Unito si  sono astenuti. Davvero pare sempre più urgente la nascita degli Stati Uniti d’Europa, perché così com’è strutturata l’Unione Europea non può avere lunga vita politica, né buona salute economica.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple