Verso Chicago 2016?

Scritto da: il 15.11.08
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Un effetto collaterale dell’arrivo alla Casa Bianca di Barack Obama potrebbe essere l’assegnazione dei Giochi Olimpici 2016 a Chicago, città del nuovo presidente a stelle e strisce.

Ma a prescindere dalle eventuali Olimpiadi, di certo Chicago ha davanti a sé una fase di sviluppo e ricchezza come non accadeva da decenni.

Del resto, era dai tempi del bostoniano JFK che un presidente non proveniva da una grande città (i Bush sono ormai da considerare a tutti gli effetti texani).

La speranza è che il nuovo smalto che BHO sta già dando alla metropoli dell’Illinois possa arginare la deriva redneck subita dagli Usa negli anni del doppio mandato di Bush jr. Speranza vana, lo so …

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple