VERSO LE EUROPEE/1 Nasce l’asse La Destra-Mpa?

Scritto da: il 21.02.09
Articolo scritto da . Giornalista e saggista catanese. Dopo 18 anni altrove (prevalentemente a Bologna e a Roma, con una puntata a Turku, in Finlandia, e numerosi viaggi per il nord Europa) , è rientrato a CT e cerca, insieme ad alcuni amici, di capire (prima) e spiegare (poi) i meccanismi socio-politici che presiedono al "funzionamento" del microverso dell'Isola. Senza comunque dimenticare il resto del globo, dove ogni giorno accadono eventi che spessissimo sono (di molto) piú importanti di quelli siciliani ed etnei ... Con questo blog, chiamato "The Lo Re Report" in onore del fantastico "The Colbert Report" dell'umorista americano Stephen Colbert, Lo Re - che si sta sentendo profondamente scemo a scrivere di se stesso in terza persona - intende dare agli amici e conoscenti interessati alle sue analisi (non oltre i 24, uno in meno dei lettori del Manzoni, per carità) uno strumento piú agile e dinamico del sito, che per sua natura (nonché per ignavia del Lo Re stesso) è certo ben statico.

Com’è facilmente comprensibile, lo sbarramento al 4%, introdotto con la nuova legge elettorale italiana per le europee da una intesa in articulo mortis fra Silvio Berlusconi e Walter Veltroni, pone in gravi difficoltà le formazioni minori. Che ora devono giocoforza stringere accordi ed alleanze quanto più possibile omogenee. O, almeno, quanto più possibile non troppo disomogenee.

Già si sa che Rifondazione Comunista e Pdci si presenteranno assieme (stavolta presumibilmente ed auspicabilmente senza i Verdi). Per gli altri partiti e soggetti minori le trattative sono aperte.

In Sicilia vi è la paradossale situazione di due forze politiche, il Movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo e La Destra di Nello Musumeci, forti nell’Isola, ma singolarmente non in grado di superare una soglia nazionale posta al 4%.

Eppure è vitale per Lombardo e Musumeci la presenza in Europa. Perché, tradizionalmente, proprio in Europa le formazioni storiche dell’autonomismo hanno per decenni basato la loro azione sugli spazi di manovra rinvenuti nel Parlamento comunitario più che nelle rispettive assemblee nazionali.

Non è poca quindi l’importanza che assume la consultazione di giugno per l’Mpa, che ha l’occasione di ottenere una straordinaria “piattaforma di lancio” di idee e battaglie.

Raffaele Lombardo
Raffaele Lombardo

Lo stesso dicasi per La Destra, che, oltre ad essere un soggetto politico fortemente autonomista (ricordiamo che in Sicilia è presente in joint venture con Alleanza Siciliana, la creatura dai forti tratti autonomisti ideata nel settembre del 2005 da Nello Musumeci), si pone anche nel solco della lunga tradizione del conservatorismo europeo, storicamente più che battagliero a Strasburgo.

Che fare dunque? Di certo le recenti elezioni regionali sarde hanno dato una indicazione precisa, con il buon successo (2.3% dei consensi presentandosi in sole 5 province su 8 e 2 consiglieri regionali ottenuti) della lista Insieme per le Autonomie, cartello che ha visto together La Destra di Francesco Storace e Nello Musumeci ed il Movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo.

Replicare l’esperimento alle europee creando un esteso cartello autonomista (dando spazio, ad esempio, ai vari gruppi sardi che non possono certo affrontare la competizione continentale, ma che hanno un discreto consenso) e socialmente ad amplio spettro (dalle notizie fin qui trapelate dovrebbe sicuramente farne parte anche il Partito dei Pensionati, che nato decenni fa come costola del Pci si è via via spostato su posizioni di centrodestra) potrebbe essere la strada giusta per Strasburgo.

Per carità, non è semplice giungere al 4% dei consensi nazionali, ma non è nemmeno impossibile. Inoltre, l’opportunità europea è così grande che certamente i simpatizzanti delle due formazioni daranno fondo a tutte le loro energie, in uno sforzo organizzativo che potrebbe anche essere premiato.

Nello Musumeci
Nello Musumeci
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | Hosted by MediaTemple